Corpo di guardia

Anticamente era la Chiesa di S.Antonio; se ne parla nella visita pastorale di Mons. Giuseppe di Ceva nel 1621, che la trovò danneggiata dalla guerra (13) e diede ordine di sistemarla. Pare che qualcosa si astato fatto ma, per la maggior parte, rimase trascurata cosicchè Mons. Lambert, nel 1699, ne ordinò l’interdizione ed infine Mons. Villa, nel 1751, la ridusse allo stato profano.

Il 30/1/1799 divenne sede della Guardia Nazionale Repubblicana; passato il periodo napoleonico, col ritorno dei Savoia fu adibita, nel 1837, a prigione e successivamente a sede della Milizia Nazionale, creata dallo statuto albertino.

Più tardi, bolita la Guardia Comunale, fu bottega di fabbro ferraio, poi atrio utilizzato come albo pretorio. Attualmente è utilizzato come centro di aggregazione della gioventù vischese.

Lo stemma che campeggia sulla facciata è quello comunale.

Dalle sue arcate si può vedere l’antico albero (originariamente un olmo, attualmente un tiglio) attorno al quale era uso ballare per festeggiare la storica alleanza sorta con il comune di Crescentino nel 1529.


© 2021   All rights reserved.